Terminata con successo la prima sperimentazione dell’applicativo AL COACH

Tratto da

Il progetto “AI Coach” si prefigge l’obiettivo di realizzare un App, utilizzabile sui dispositivi mobili, che consenta alle persone nello spettro dell’autismo di disporre di uno strumento che ne potenzi le autonomie e ne migliori la Qualità di Vita. Attraverso questo applicativo, che si basa sulle più avanzate conoscenze sull’Intelligenza Artificiale, vengono raccolte, elaborate e restituite alla stessa persona con disabilità ed alla sua rete di sostegno (quindi famiglia e operatori) informazioni utili al potenziamento delle proprie autonomie andando anche ad incidere sulle abilità comunicative e relazionali consentendo, dunque, maggiori spazi di autodeterminazione, di vita indipendente ed inclusione nei propri contesti di riferimento.

 

Il progetto, di cui Anffas è capofila e coordinatore, èattuato in partenariato con ANGSA, ed è stato realizzato grazie al contributo di Fondazione TIM che è espressione dell'impegno sociale di TIM e la cui missione è promuovere la cultura del cambiamento e dell'innovazione digitale, favorendo l’inclusione, la comunicazione, la crescita economica e sociale.

 

Dopo le prime fasi di avvio, il progetto è entrato nel vivo attraverso le attività legate alla sperimentazione del primo prototipo del sistema conversazionale “AI Coach”; attività da poco concluse e già ricche di risultati. L’App, dopo la fase di sviluppo a cura del laboratorio diretto dal prof. Giuseppe Riccardi - Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione - Università di Trento, è stata oggetto di test da parte di operatori e persone nello spettro dell’autismo selezionate tra le associazioni che collaborano al progetto.

 

In particolare, hanno preso parte alla sperimentazione, attraverso un attivo coinvolgimento, 10 persone nello spettro dell’autismo, che hanno testato l’interfaccia conversazionale sui loro dispositivi mobili personali e 10 operatori che, a loro volta, si sono interfacciati tramite un applicativo web al fine di fornire al sistema di intelligenza artificiale la conoscenza ed esperienza necessaria all’apprendimento dei modelli di interazione.


Al termine della sperimentazione, conclusasi nel mese di aprile 2022, diversi sono stati i feedback ricevuti sia dagli operatori, in termini di accessibilità dell’applicativo e gestione della piattaforma, sia da parte delle persone stesse che hanno avuto modo di comunicare, in maniera diretta, tutte le modifiche e le migliorie che desiderano trovare nella seconda versione dell’applicativo.Pertanto, partendo proprio dai feedback ricevuti, il Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione dell’Università di Trento, implementerà e aggiornerà l’App per proseguire successivamente con il rilascio del secondo prototipo.

Partner ufficiale di Anffas Nazionale in questo progetto è ANGSA.

Collaborano a vario titolo all’iniziativa: Giuliaparla Onlus, Gruppo Asperger Onlus, IDEGO – Psicologia Digitale e l’Università di Trento (UNITN) - Department of Information Engineering and Computer Science.


 

Altri eventi