Il tempo delle relazioni è tempo di cura, a Bergamo il volontariato che cambia la sanità

Tratto da

Sabato 19 febbraio il primo appuntamento legato alle celebrazioni di Bergamo Capitale italiana del volontariato per il 2022, nomina conferita lo scorso 5 dicembre dal CSVnet con il patrocinio dell’Anci. Un evento di grande rilievo in una una città che simboleggia in pieno il tema trattato, sia perché il volontariato lì è di casa, sia per il ruolo delle Associazioni e di migliaia di volontari durante l’emergenza sanitaria

Bergamo , capitale italiana del volontariato per il 2022, sabato 19 febbraio (inizio ore 10) ospiterà il primo evento nazionale dedicato all'approfondimento del ruolo di migliaia di associazioni e volontari che, soprattutto in tempo di pandemia, si sono confermati una risorsa fondamentale di Paese questo nei processi di cura. Il primo appuntamento legato alle celebrazioni di Bergamo Capitale (la nomina è stata conferita lo scorso 5 dicembre dal CSVnet , l'associazione nazionale dei Centri di servizio per il volontariato, con il patrocinio dell'Anci ) è il convegno dal titolo “Il volontariato che cambia la sanità. Il tempo della relazione è tempo di cura” , che si terrà al Centro Congressi Giovanni XXIII in occasione della Giornata nazionale del personale e del volontariato , che si celebra ogni anno il 20 febbraio (diretta streaming sulla pagina Facebook “Capitale sanitario italiano del Volontariato – Bergamo 2022” e sui canali di Vita no profit, CSV Bergamo e CSVnet). L'incontro è organizzato da Provincia di Bergamo, Comune di Bergamo, Csv Bergamo, Fondazione della Comunità Bergamasca, Università degli studi di Bergamo, Diocesi di Bergamo e Csvnet Lombardia con il patrocinio di CSVnet, Anci e il patronato di Regione Lombardia.
Sarà un'occasione per riflettere sul ruolo che il volontariato può giocare nei percorsi di cura delle persone. I lavori, moderati dal direttore editoriale di Vita, Riccardo Bonacina, gli interventi di numerosi ospiti: il Sottosegretario di Stato al ministero della Salute, Andrea Costa ; il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori ; la vicepresidente della Regione Lombardia e assessore al Welfare, Letizia Moratti (videomessaggio); il vicepresidente dell'Anci, Stefano Locatelli ; il presidente del Csv Bergamo, Oscar Bianchi ; la docente di Filosofia della cura dell'Università di Verona, Luigina Mortari (in collegamento streaming); il filosofo della scienza Telmo Pievani (streaming), l'attore Giacomo Poretti (streaming), il virologo e presidente dell'Anpas, Fabrizio Pregliasco (streaming); il direttore dell'Istituto Mario Negri, Giuseppe Remuzzi ; la presidente del CSVnet, Chiara Tommasini .
Bergamo è una città che rappresentava perfettamente la situazione, sia perché il volontariato è di casa, sia per il pegno pagato nel corso della prima, difficilissima fase dell'emergenza sanitaria. E a due anni dall'inizio della pandemia, i tempi sono maturi per stilare un bilancio di ciò che è stato fatto e di ciò che va migliorato o radicalmente modificato, mettendo i pazienti e i loro familiari al centro di tutto.

Altri eventi