È ora di difendere i diritti di tutte le donne

Tratto da

Anche in Europa la violenza le donne e le ragazze con disabilità continuano ad affrontare forme di discriminazione, abuso e violenza. Le proposte dell'European disability forum

In occasione dell'8 marzo, Giornata internazionale della donna, l’European disability forum (Edf) e il suo Comitato donne ricordano che le donne e le ragazze con disabilità continuano ad affrontare numerose forme di discriminazione, abuso e violenza in tutta Europa e nel mondo.

Dobbiamo ancora lottare per la parità salariale, per i diritti sessuali e riproduttivi e contro la violenza, gli abusi, lo sfruttamento sessuale e, in generale, contro un mondo creato per uomini normodotati. È evidente come continuino a esserci resistenze nell’accettare l’importanza dei diritti delle donne. Per le donne con disabilità, questo significa disoccupazione, povertà lavorativa e non solo. Aborto, contraccezione e sterilizzazione forzate, sfruttamento sessuale, violenza fisica, psicologica ed economica. Mancanza di rappresentanza civile e politica, oltre a molti altri problemi.

Oggi e ogni giorno dell’anno siamo al fianco del movimento femminile per difendere i diritti delle donne in tutta la loro diversità. Nel 2023, chiediamo all'Unione europea e a tutti i suoi Stati membri di agire con urgenza in tre aree:

  1. Violenza contro le donne.
    L’Unione europea e gli Stati membri devono adottare misure concrete per combattere la violenza contro le donne. Includere le prospettive delle donne e delle ragazze con disabilità in tutte le iniziative per combattere la violenza di genere, raccogliere dati di genere e fare indagini e ricerche sulla violenza contro le donne. Penalizzare la sterilizzazione forzata nell'ambito della proposta di direttiva sulla lotta alla violenza contro le donne. Concludere l'adesione dell'Unione europea alla Convenzione di Istanbul e la sua rapida attuazione nei Paesi dell'Ue.
     
  2. Politiche sociali.
    L’Unione europea e gli Stati membri devono combattere la discriminazione e l'esclusione sociale delle donne con disabilità. Chiediamo, in particolare, misure per il pieno accesso all'istruzione e per promuovere l'accesso al lavoro e combattere la povertà lavorativa. Le donne con disabilità devono essere pienamente ed esplicitamente incluse nel Pacchetto occupazione sviluppato dalla Commissione europea nell'ambito della Strategia dell'Ue per i diritti delle persone con disabilità.
     
  3. Partecipazione civica e politica.
    Le donne con disabilità sono anche leader ed esperte. Nell'anno che precede le prossime elezioni europee, l'Unione europea e gli Stati membri devono sostenere l'impegno e la partecipazione civica e politica delle donne con disabilità. Tutti gli Stati devono garantire e promuovere il diritto di voto e di candidatura delle donne con disabilità. Misure specifiche per combattere le molestie online e offline dei candidati e la violenza contro le donne durante le elezioni devono essere adottate con urgenza a livello di Unione e di Stati membri.

Quest'anno lavoreremo al terzo manifesto dell' European disability forum sulle donne e le ragazze con disabilità. Il documento rifletterà sulle principali sfide che le donne e le ragazze con disabilità continuano ad affrontare e metterà in evidenza le nostre richieste e raccomandazioni principali per un'Europa equa dal punto di vista del genere, all'interno e all'esterno del movimento per la disabilità. È tempo di difendere i diritti di tutte le donne.

Altre opinioni

Altre opinioni