Storie che dimostrano non solo che una persona con disabilità può lavorare e lavorare bene ma che rivoluzionano l'approccio: dalla persona con sindrome di Down all'individuo, con le sue competenze e caratteristiche
Non sono pochi gli atti programmatici di Regione che riguardano le persone con disabilità. Quali fra questi impegni potranno realizzarsi nell’ultimo anno di legislatura?
«L’inaccettabile episodio di Genova ci fa tornare indietro di decenni, ma non deve impedire ad altri giovani con sindrome di Down o con ogni altra disabilità di proseguire il loro “viaggio” verso una cittadinanza riconosciuta e irrinunciabile»
Inutile ora scatenare i leoni da tastiera contro i passeggeri poco empatici che non sono scesi dal treno. Era Trenitalia che doveva garantire che i posti riservati fossero tali.
«Né la disabilità né l’invecchiamento – scrive Simona Lancioni – sarebbero fenomeni catastrofici, ma ci si comporta come se lo fossero, e finisce così che sia le persone con disabilità......
Progetto culturale, per far conoscere e diffondere il nuovo modello di approccio alla disabilità basato sui Diritti Umani e sulla Qualità della Vita. Disponibile il nuovo numero della rivista con focus su "Benessere"
L’ICF è una sigla che indica la Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute. Rappresenta una revisione della Classificazione Internazionale delle Menomazioni, delle Disabilità e degli Handicap
Una riflessione tra gli scaffali del supermercato. Una commessa che scardina il cliché secondo cui sono sempre le persone con disabilità quelle da aiutare.
«Un tale concentrato di stereotipi, impreparazione e cattivi segnali trasmessi alla società – scrive Antonio Giuseppe Malafarina, riferendosi a un recente programma televisivo – è raro a trovarsi in TV
«Testo destinato a rivoluzionare l’intero panorama normativo della disabilità, la Legge Delega in materia di disabilità – scrive Haydée Longo – si compone di soli cinque articoli ....
Un linguaggio semplice e appropriato nel trattare i temi legati alla disabilità e la scelta, coraggiosa e riuscita, di raccontare la vita di una coppia di persone con disabilità in età avanzata in modo onesto e non pietistico
La storia di Sabrina, che è andata a vivere da sola, è una delle tante di persone con disabilità che provano a “vivere come vogliono”, esercitando il proprio diritto a una vita indipendente..
La recente “Direttiva alle amministrazioni titolari di progetti, riforme e misure in materia di disabilità”, una delle ricadute del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza
«La Legge Delega sulla disabilità – scrive la deputata Lisa Noja - non è una rivoluzione, ma rappresenta il necessario prerequisito per realizzare finalmente un cambio di marcia nelle politiche sulla disabilità
Secondo gli italiani le persone con disabilità hanno diritto ad una vita sessuale piena? Hanno diritto a sposarsi e ad adottare un bambino? I risultati di un’indagine
“Informazione, politica, cultura – scrive Andrea Pancaldi -: c’è un gran “frullo” nel mondo della disabilità e dentro a questo “frullo” vi è anche un robusto e interessante filone di riflessione culturale e filosofica sulla disabilità

Altre opinioni