• Normale
  • Solo testo
  • Testo con contrasto
  • Testo Normale
  • Testo Medio
  • TestoGrande
  • Home page

ANFFAS Lombardia: Archivio : Opinioni, libri ..12 :

Archivio OPINIONI, COMMENTI, LIBRI, RIFLESSIONI

Pag. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12


Curare il territorio per curare le persone
Provare ad andare oltre l’erogazione dei servizi alla persona ribaltando lo stereotipo della persona con disabilità che deve “normalizzarsi” ed adattarsi al contesto. Il percorso di approfondimento delle realtà territoriali collegate al network di Immaginabili Risorse procede con l’esperienza della cooperativa sociale Radici nel Fiume.. >>Continua - Tratto da Lombardiasociale.it - (25/01/2017)

Non autosufficienza, un quadro a luci e ombre, tra sperimentazione e disomogeneità
DOSSIER FNA. Relazione della Corte dei Conti 2007-2015. Fondo per le non autosufficienze 2007-2015”. A Trento si spendono 282 euro pro-capite, a Reggio Calabria solo 26. Tra le raccomandazioni, uniformare criteri e risorse, raccogliere dati nel Casellario dell’assistenza e implementare un modello di assistenza personale autogestita. >>Continua - Tratto da Superabile - (25/01/2017)

Insegnare l’umanità
«Quante volte – scrive Maria Pia Amico – ci imbattiamo in medici frettolosi, distanti, con poca voglia di dialogare coi pazienti o di spiegare la diagnosi, dando per scontato che tutti sappiano di medicina e profilassi? Un comportamento, per altro, che vale per ogni altra categoria di lavoratori. Ci vuole una certa elasticità mentale e grande intelligenza, per instaurare rapporti – di lavoro o personali – che non siano solo fredda cortesia e pura formalità, ma troppo spesso ci si dimentica che siamo esseri umani con le nostre paure e bisogni». >>Continua - Tratto da Superando - (24/01/2017)

Così cambierà l’inclusione scolastica
Proponiamo ai Lettori – auspicandone anche costruttivi commenti – un’analisi letteralmente “al microscopio” dello Schema di Decreto Legislativo sull’inclusione scolastica degli studenti con disabilità, approvato il 14 gennaio scorso dal Governo e che nel giro dei prossimi sessanta giorni, durante i quali verrà discusso dalle competenti Commissioni Parlamentari, dovrà portare alla pubblicazione del testo finale. >>Continua - Tratto da Superando - (18/01/2017)

Rendere normale domani ciò che ieri era impossibile
Ovvero la cultura dell’inclusione, secondo le parole di Andrea Canevaro, citate da Mario Paolini, che oltre a proporre “A muso duro”, celebre canzone di Pierangelo Bertoli, come una sorta di inno dell’inclusione, sottolinea tra l’altro che «la cultura dell’inclusione ha bisogno di cultura della legalità, del civismo e della democrazia». Alex Langer, uno dei padri dell’ecologismo, scrisse che la cultura ambientalista per affermarsi doveva diventare desiderata. >>Continua - Tratto da Superando - (11/01/2017)

L’inclusione scolastica secondo l’ISTAT
«Presenta molte ombre – scrive Salvatore Nocera – il quadro che emerge dal rapporto annuale ISTAT sull’“Integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di primo grado”, relativo all’anno scolastico 2015-2016 e solo l’emanando Decreto Delegato applicativo della Legge 107/15 potrebbe fugarle, volendo realmente provvedere con interventi immediati e globali a migliorare la qualità dell’inclusione». Allo stesso Nocera affidiamo una sintesi in tredici punti del rapporto ISTAT, cercando in tal modo di fornire un’informazione (e un commento) il più esauriente possibile >>Continua - Tratto da Superando - (09/01/2017)

Che vita sarà con la nuova legge sul dopo di noi?
Un questione di vita, da qualsiasi punto di vista la si osservi… Riconoscendo la necessità di vivere “a casa” e non in “struttura”, La Legge sul dopo di NOI da poco approvata (qui l'intervista alla relatrice on. Carnevali) promuove un processo concreto di deistituzionalizzazione aprendo una nuova prospettiva esistenziale per le persone con disabilità e per i loro familiari. Per le persone con disabilità essa promuove una concreta opportunità di vita a casa, in appartamento, convivendo in due tre quattro persone; e soprattutto aumenta le possibilità di scelta tra risposte e proposte di vita differenti in relazione a dove vivere e con chi vivere.  >>Continua - Tratto da Anffas nazionale - (09/01/2017)

Un sigillo alla garanzia dei diritti
«È la garanzia dei diritti incomprimibili ad incidere sul bilancio, e non l’equilibrio di questo a condizionarne la doverosa erogazione»: sono certamente una pietra miliare nella storia del diritto allo studio (e non solo) degli alunni con disabilità, le parole pronunciate dalla Corte Costituzionale nella Sentenza n. 275 del 2016, di cui avevamo dato notizia in dicembre e alla quale dedichiamo ora un ampio approfondimento. «Se la Sentenza n. 215 del 1987 – scrive Salvatore Nocera – era stata la Magna Charta dell’integrazione scolastica, questa è il sigillo posto su tale Magna Charta». >>Continua - Tratto da Superando - (09/01/2017)

I nostri figli con autismo, come maiali all'ingrasso per il business del welfare
"Dentro la disabilità”: il professor Luigi Croce, neuropsichiatra e *presidente del Comitato Scientifico di Anffas, ha intervistato sabato 3 dicembre Gianluca Nicoletti, giornalista e padre di un ragazzo con autismo, in chiusura del convegno internazionale “Disabilità Intellettive e del Neurosviluppo: diritti umani e qualità della vita” (a questo link è possibile leggere il comunicato sui risultati del convegno). Ecco la trascrizione di un'intervista a ruota libera. >>Continua - Tratto da Anffas nazionale - (29/11/2016)

I servizi sociosanitari per la disabilità: luoghi di cura o di vita?
A partire da una vicenda concreta accaduta in Brianza ci si interroga sulla visione dei servizi per la disabilità e sulla coerenza delle indicazioni riferite alle funzioni di vigilanza e controllo di appropriatezza sui servizi da parte delle Istituzioni. La notizia arriva dalla Brianza, dalla nuova ATS (Azienda di Tutela della Salute) di Monza e Lecco: solo gli infermieri possono somministrare i farmaci alle persone con disabilità che frequentano i Centri diurno (CDD) del territorio. A prima vista, almeno per molti, la notizia non sembrerà degna di nota: che male c’è che in una struttura sanitaria le medicine siano assunte sotto il controllo competente di personale sanitario? >>Continua - Tratto da Lombardia sociale.it - (29/11/2016)

  

Pag. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

 

Ultima modifica: Thu, 27 Apr 2017 17:36:10 GMT

ANFFAS LOMBARDIA ONLUS - Sede Legale: via Livigno, 2 – 20158 MILANO
Sede operativa: via Livigno, 2 - 20158 MILANO - Tel. 02/6570425 – fax 02/6570426 - Email: info@anffaslombardia.it
CF 97339800159 - UBI Banca, sede di via Manzoni, Milano - IBAN: IT17N0311101665000000000767